Infezioni Respiratorie, Influenza e Raffreddore


Infezioni Respiratorie, Influenza e Raffreddore

Con l’avvicinarsi della stagione invernale, iniziano a comparire i primi malanni legati al cambio della temperatura e al ritorno a scuola dei bambini. Naturalmente, le malattie da raffreddamento che si presentano in questo periodo sono ben lungi dal poter essere considerate delle vere e proprie forme influenzali anche se, tuttavia, molto spesso si tende a non fare differenze tra influenza e raffreddore. In realtà, in questa fase dell’anno, è molto più probabile incappare in una sindrome para-influenzale che si manifesta con sintomi del tutto simili all’influenza vera e propria: raffreddore e febbre, naso tappato, mal di gola e infiammazione a laringe, faringe, trachea.

Sindrome para-influenzale ed influenza: cos’è allora che le distingue?

Entrambe sono scatenate da virus: la prima dal genere Paramixovirus, la seconda dal genere Ortomixovirus. I sintomi si somigliano tra loro ed è quasi impossibile formulare una diagnosi esatta. Tuttavia possiamo dire che la sindrome para-influenzale non è una patologia strettamente invernale, anzi, si può verificare durante tutto l’arco dell’anno. Al contrario, l’influenza vera e propria si manifesta esclusivamente nel periodo invernale ed ha il suo picco massimo tra la fine di dicembre è l’inizio di gennaio. I sintomi, inoltre, risultano meno gravi e più sfumati nella sindrome para-influenzale rispetto all’influenza vera e propria. Va però considerato che, nei bambini, anche queste forme parainfluenzali possono causare delle infezioni piuttosto gravi; per questo motivo, quindi, non bisogna mai trascurare il raffreddore nel neonato o l’influenza nei bambini, dal momento che possono facilmente peggiorare evolvendosi in croup (laringotracheobronchite acuta).


Per curare queste malattie di origine virale (escludendo i farmaci antivirali che vengono utilizzati solo nei casi di estrema necessità), i medicinali a nostra disposizione sono veramente pochi e sono perlopiù “sintomatici”, cioè vanno ad agire sulla sintomatologia: febbre, mal di gola, naso chiuso, naso che cola, narici irritate e chiuse, tosse ecc. Molto spesso si tende, erroneamente, a ricorrere agli antibiotici, i quali nulla possono contro i virus e il cui uso è, nella maggior parte dei casi, totalmente inutile se non, addirittura, controproducente e dannoso.

Allora, in caso di influenza cosa prendere?

L’unico modo che abbiamo per agire con efficacia su queste fastidiose patologie è la prevenzione. La prevenzione è importante: è la protezione più efficace per salvaguardarci da tutte le forme influenzali vere o false che siano. Rimane, infatti, sempre valido il detto secondo cui prevenire è meglio che curare! La sicurezza della prevenzione dipende da come questa viene praticata e dal livello al quale viene eseguita. Può essere fatta, ad esempio, utilizzando prodotti che agiscono stimolando il nostro sistema immunitario, rendendolo più forte ed in grado di combattere meglio questi virus. Si può pensare di ricorrere anche alla vaccinazione che, però, di solito è destinata a determinate categorie di persone maggiormente “a rischio”, quali i cardiopatici, gli anziani, le persone immunodepresse, bambini con problemi particolari, ecc. Con la vaccinazione si introducono nell’organismo ceppi virali inattivati e opportunamente trattati che, provocando una risposta immunitaria forte, rendono l’organismo più resistente agli insulti esterni per tutto il periodo invernale. Questo tipo di vaccinazione dimostra la sua efficacia soprattutto evitando l’aggravarsi delle patologie già presenti come croniche nel paziente, ad esempio, anziano. A questo proposito è opportuno ricordare che la vaccinazione deve essere fatta con largo anticipo per dare il tempo all’organismo di produrre anticorpi; in caso contrario risulta totalmente inefficace.

Un prodotto molto interessante è il Kaloba, un prodotto di natura vegetale che si estrae dalle radici di un geranio Sud Africano (Pelargonium sidoides). Risulta molto efficace nel raffreddore comune e nelle bronchiti. Conosciuto da molto tempo in Europa, da noi in Italia si è affacciato negli ultimi anni ed ha un'ottima azione sia batteriostatica che battericida.

I più utilizzati

Pumilene

Anche alcuni piccoli accorgimenti a livello ambientale possono essere fondamentali per evitare la proliferazione di questi virus. È molto importante, per esempio, arieggiare l’ambiente dove si vive anche in inverno così da evitare l’accumularsi di fastidiosi “ospiti”. Controllare, poi, che la temperatura all’interno delle nostre case non sia mai superiore ai 20°C viene ad essere doppiamente utile: per la nostra salute e per le nostre tasche! A causa del riscaldamento l’aria diventa più secca ed è consigliabile servirsi di un umidificatore per evitare narici irritate o naso secco. In farmacia ci sono più tipi di umidificatori come, ad esempio, Pumilene Pigna Umidificatore a caldo, nel quale vanno aggiunte delle essenze balsamiche come Pumilene Vapo Essenza 100 ml in grado di purificare l’aria. A tale scopo si può anche impiegare Pumilene Vapo Diffusore d’essenze a Ultrasuoni che, oltre a rilasciare nell’aria olii essenziali, può svolgere anche la funzione di cromoterapia grazie alla sua luce a 5 colori.

Acqua di Sirmione

Anche a livello di igiene personale possiamo fare qualcosa di concreto per cercare di evitare il contatto con il virus. I lavaggi nasali, per esempio, possono risultare un’ottima pratica per mantenere pulite le prime vie aeree. Si può utilizzare, con buoni risultati, l’acqua di Sirmione sia nel raffreddore cronico dell’adulto sia nel raffreddore dei bambini, così come nel naso che cola o nel naso tappato. Il lavaggio nasale, infatti, consente non solo di liberare le vie aeree ma anche di “lavare via” meccanicamente i virus dalle vie aeree superiori. L’acqua di Sirmione è un prodotto che può essere impiegato non solo per fare questi lavaggi nasali ma anche in aerosolterapia per curare i problemi delle basse vie respiratorie.

Aerosol

L’apparecchio di cui ci si serve per fare l’aerosol ha la sua importanza: deve essere potente per far sì che il farmaco venga veicolato in particelle di dimensioni tali da poter raggiungere anche gli alveoli polmonari, deve nebulizzare qualsiasi farmaco (comprese le molecole di peso maggiore), non deve essere troppo rumoroso e deve avere un buon rapporto qualità-prezzo. Queste caratteristiche possono, ad esempio, essere riunite nell’Aerosol a Pistone Medi Presteril A1.

Sciroppi

Rimanendo in tema di prodotti balsamici da utilizzare nei casi in cui, oltre a raffreddore e febbre, sono coinvolte anche la faringe, la laringe e le corde vocali, ricordiamo alcuni prodotti come Alpenkraft Salus, un ottimo sciroppo a base di miele e di piante ricche di olii essenziali, che può risolvere determinate affezioni dell’albero respiratorio nella stagione invernale. Altrettanto valido è lo sciroppo Piantaggine Salus, a base, appunto, di piantaggine o “erba dei cantanti”, e particolarmente indicata in caso di abbassamenti di voce.

PRODOTTI CONSIGLIATI

PIANTAGGINE SALUS 250ML
15,30 €
12,90 €
15,30 €
ALPENKRAFT SALUS 250ML
15,65 €
14,05 €
15,65 €
ACQUA DI SIRMIONE 15ML 6 FLACONCINI
12,50 €
9,90 €
12,50 €
PUMILENE VAPO ESSENZA EMULSIONE 100ML
7,40 €
6,90 €
7,40 €
PUMILENE PIGNA UMIDIFICATORE A CALDO
44,00 €
34,90 €
44,00 €
 1 >